<Associazione Piero Nincheri>    
< News >

NEWS & EVENTI
I soldi
e due figure
(1992)
120x220
olio su tela
I Soldi e due figure
Visitazione
Visitazione
(1994-98) 130x200 olio su tela

PIERO NINCHERI (1940 1999)
Dopo aver trascorso l'infanzia nella casa colonica del podere Fonte Marchese dei Gerini, a Colonnata, dove i suoi genitori vivevano e lavoravano, frequentò prima la Scuola d'Arte Ceramica Richard-Ginori e dopo l'Istituto d'Arte di Porta Romana a Firenze, dove insegnava il maestro Fernando Farulli che nel 1960 lascio il proprio studio fiorentino agli allievi. Nel '61 Nincheri inizio una attivita artigia-nale nel campo delle vetrate artistiche presso l'architetto Marcello Tolleri di Firenze e da lì riusci a fondare, insieme al socio-vetraio Mario Sassolini, Le Vetrate Artistiche Florentine a Sesto Fiorentino, laboratorio che sopravvive ancora oggi grazie all'attivita dei suoi allievi e soci. Senza mai legarsi alle regole dell'insegnamento, creò una scuola fuori della scuola, attraverso il sodalizio con giovani allievi che mantenne per tutta la vita. Le prime esposizioni di Nincheri presso la sede della Biblioteca Pubblica di Sesto (1961) e in gallerie d'arte di Firenze aprirono nel corso degli anni una lunga serie di personali e collettive in luoghi sempre piu prestigiosi (Modena, Reggio Fmilia, Torino, Imola, Parma, Cesena, Genova, Prato). Fu tra i fondatori de "La Soflitta Spazio delle Arti", singolare galleria d'arte nata nella Casa del popolo di Colonnata, che ha ospitato molte delle sue piu importanti mostre. Dagli inizi negli anni Sessanta con una pittura espressionistica, Nincheri ha raggiunto hen presto esiti personali e autonomi, per dar vita ad una pittura prettamente figurafiva e simbolica, dove protagonista assoluto e sempre il nudo maschile, indagato in ogni sua forma, all'interno di atmosfere oniriche, notturni magici o tenebrosi, in una costante e ossessiva ricerca di bellezza corporale. Artista poliedrico c controtendenza in anni come quelli Settanta o Ottanta in cui la stragrande maggioranza dei pittori aderisce all'astrattismo e all'informale, Nincheri, pittore, incisore e maestro vetraio, preferisce stare lontano da ogni mondanita artistica senza legarsi a gallerie o galleristi in voga al tempo. Una vita "appartata", all'interno dello studio, ha fatto si che la sua pittura venisse sottovalutata e soffrisse di un certo isolamento, al quale sta cercando di sopperire I' "Associazione per la Divulgazione dell'Opera di Piero Nincheri" di Sesto Fiorentino, creatasi dopo la sua morte, precocemente avvenuta.

Giulia Ballerini


Associazione per la divulgazione dell'opera di Piero Nincheri www.pieronincheri.it - Referente: Francesco Mariani 335 6136979

 


Copyright 2002-2005 APN, tutti i diritti sono riservati.